I nostri ingredienti

l'acqua

Più l’acqua è buona, migliore sarà la birra. Questo è il primo segreto della birra Sonnenberg. Da due sorgenti alpine di proprietà del birrificio preleviamo la nostra acqua cristallina, che utilizziamo in modo completamente naturale. L’acqua che destiniamo alla produzione di birra Sonnenberg deve la sua purezza alla sua origine, che risiede in alta quota nel massiccio Silvretta-Arlberg. Nel processo produttivo della birra, l’acqua è la più importante materia prima da un punto di vista quantitativo: per questo tale elemento è definito come il “corpo della birra”.
Oltre alla purezza, anche i minerali disciolti influenzano il gusto e il carattere della futura birra.

il malto d’orzo

“L’anima della birra”: così i maestri birrai chiamano il malto d’orzo, cioè l’orzo o il frumento germogliato ed essiccato. Il malto d’orzo conferisce alla nostra birra la pienezza di gusto, il colore e la base per l’alcool e l’anidride carbonica. All’interno dei “maltatori” il grano è trasformato in malto d’orzo pregiato. Mediante l’aggiunta di acqua, questo è portato a germinare durante la maltazione in modo naturale. Il grano è attivato e forma degli enzimi importanti per il successivo processo di cottura. Durante l’ammostatura, infatti, essi decompongono l’amido in zucchero fermentabile: si tratta di un processo controllato che al momento opportuno viene interrotto dall’essiccazione. Da sempre otteniamo il nostro malto d’orzo dalla Svevia e dal bacino di Vienna. Selezionato dal nostro mastro birra io, il malto conferisce alla nostra birra Sonnenberg una pienezza di gusto incomparabile.

il luppolo

È il luppolo, poi, che dà l’aroma alla birra. Il luppolo, detto “ l’oro verde del birraio ”, conferisce alla birra il retro-gusto finemente amarognolo, mentre il fiore del luppolo, stabilizza la schiuma e agisce positivamente sulla conservazione della birra attraverso gli enzimi.
Il luppolo che selezioniamo per la nostra birra Sonnenberg proviene dalle migliori zone di coltivazione: Hallertau in Baviera e Tettnang vicino al lago di Costanza. L’effetto calmante del luppolo è noto da tempo, tanto che alcuni parlano addirittura di una pianta medicinale. Sono stati i monaci i primi a riconoscere l’effetto di conservazione del luppolo: nella produzione della birra l’hanno aggiunto al mosto impedendone così il decadimento precoce.

il lievito

Il lievito per la nostra birra è, nel vero senso della parola, “fatto in casa”, ovvero proviene da una nostra coltivazione selezionata. Per questa fase selezioniamo sia le paste madri a bassa fermentazione sia quelle ad alta fermentazione, che conferiscono alla nostra birra un aroma unico.
I lieviti sono microorganismi unicellulari che appartengono alla famiglia dei funghi.
Essi funzionano da “motore” per la fermentazione alcolica. Esistono numerosi ceppi di lievito differenti che sono contrassegnati da processi metabolici caratteristici. Compito del lievito è fermentare lo zucchero di malto: pertanto esso è responsabile della formazione di alcool, di anidride carbonica e dei vari componenti del sapore.
Phone: 031.561 291
Fax: 031.561 396
Via Adige, 16
Senna Comasco (CO) 22070